Paolo Barnard

Da Naturpedia.

altre wiki: navigazione, ricerca
Chi è Paolo Barnard?
esempio di testo

Paolo Barnard


Paolo Barnard (Bologna, 1958).[1][2] giornalista freelance e saggista laureato in psicologia, ha dapprima lavorato come corrispondente estero freelance per molti fra i maggiori giornali Italiani tra cui La Stampa, Il Manifesto, Il Corriere della Sera, Il Mattino, Il Secolo di Genova e La Repubblica, per poi passare alla RAI, in cui è apparso per 14 anni partendo da Samarcanda nel 1991 in occasione della prima Guerra del Golfo; è stato uno dei fondatori nel 1994 della trasmissione Report (Rai 3), con la quale ha collaborato per dieci anni, per approdare infine a Rai Educational, da cui si è autosospeso in seguito alla l'inchiesta "Little Pharma & Big Pharma" e il caso "Censura Legale".
Giornalista Paolo Barnard in Conferenza

Il 28 aprile 2011 Barnard annunciò l'abbandono radicale di ogni impegno professionale in Italia. Tuttavia, dopo circa due anni ha riaperto il suo sito; nell'attualità, si sta muovendo in direzione divulgativa della tesi dell'economia monetaria, denominata: MMT; facendosi promotore e organizzatore del prima Summit (tenutosi a Rimini, nel Febbraio 2012) italiano sull'argomento, e con l'intervento e partecipazione sotto suo invito, di alcuni tra i più illustri economisti americani, ugualmente sostenitori in materia.

Indice

Biografia

Scrittore e saggista ha pubblicato nel 2002 per Andromeda "Due Pesi e Due Misure, riconoscere il terrorismo dello Stato d'Israele" e nel 2006 per la BUR il libro inchiesta "Perché ci odiano" che condensa nelle sue pagine alcune delle inchieste confezionate per Report ("Perché ci odiano?", puntata andata in onda il 6 aprile 2003 e "L'altro terrorismo", in onda il 23 settembre 2003), portando una critica documentata alla cosiddetta Guerra al Terrorismo e alle condotte di Israele in Palestina sin dalla nascita del Sionismo. Ha curato, per la BUR, "Dall’altra parte" (Sandro Bartoccioni, Gianni Bonadonna, Francesco Sartori), una raccolta di testimonianze di medici ammalati su come riformare il sistema sanitario italiano, partendo dall'esperienza, unica e irripetibile, di chi, come i grandi clinici ammalati gravemente, ne conosce sia gli aspetti scientifici, che quelli della sofferenza per malattia. Ha scritto come saggista per Micromega, il Golem del Sole 24 Ore e molte altre pubblicazioni.

Paolo Barnard

Da tempo, a causa del suo dissenso serrato contro l'ipocrisia del Sistema come dell'Antisistema, Barnard si era collocato in Rete con suo sito, che ha però deciso di abbandonare quando ha compreso che i network, e l'iper-informazione che da essi si origina, stanno facendo il gioco delle forze di Potere che vogliono annullare la partecipazione dei cittadini[3]. Barnard ha infatti coniato l'espressione "attivismo di tastiera" per definire la frenetica attività di Rete che non si traduce ormai più in vera partecipazione civica, ma solo nell'illusione di partecipare. L'ultimo lavoro di Barnard[4], si intitola Il Più Grande Crimine, e rivela il progetto di 70 anni dei Poteri finanziari e industriali internazionali per distruggere gli Stati, il potere delle leggi, e la legittimità dei cittadini, di cui la creazione dell'Unione Europea e della moneta unica (euro) sono stati capitoli fondanti.

In questo saggio sono delineati gli allarmanti scenari di egemonia delle élite finanziarie sull'Europa, destinata a una progressiva distruzione a scapito del mercato del lavoro e delle famiglie, per l'esclusivo profitto a breve termine di tali élite (il danno sistemico che producono non è mai da esse considerato). La tesi fondante di questo saggio è che in sette decadi è stato realizzato appieno il ritorno al potere assoluto e incontrastabile delle élite dell'economia agraria 'ricardiana' e della filosofia 'maltusiana' sconfitte da 250 anni di progresso verso il bene comune originatosi dall'Illuminismo, e culminato con l'avvento delle democrazie partecipative della seconda metà del XX secolo.

Barnard porta: dati, prove, nomi, fatti.. svelando l'inganno economico criminale che ha tenuto intere generazioni di occidentali in stato di precarietà continua senza che ve ne fosse alcun reale motivo economico. Le sofferenze così originate furono volute a tavolino per impedire agli Stati sovrani, governati da leggi e monete sovrane, e legittimati dal popolo sovrano, di limitare drasticamente la speculazione delle elites finanziarie internazionali.

Le inchieste

Negli anni in cui ha lavorato per la trasmissione di inchiesta Report Paolo Barnard ha trattato temi poco conosciuti al pubblico televisivo, esercitando con particolare fervore il diritto di cronaca giornalistico. I suoi reportage parlano di lobby della globalizzazione ("I globalizzatori"), del terrorismo internazionale e della situazione in medio oriente ("Perché ci odiano?", "L'altro terrorismo"), della new economy ("E-conomy"), del "Fondo Monetario Internazionale" ("Un debito senza fondo"), della lobby dell'industria farmaceutica ("L'affare AIDS", "Killer AZT", "Il marketing del farmaco") e delle manipolazioni alimentari a scapito della salute umana ("Mangimi e diossina").

Barnard

L'inchiesta "Little Pharma & Big Pharma" e il caso di "Censura Legale"

Il giornalista è autore di una controversa e discussa inchiesta contro la pratica del comparaggio farmaceutico, trasmessa l'11 ottobre 2001 ("Little Pharma & Big Pharma") su Rai tre durante il programma televisivo Report di Milena Gabanelli. Nel filmato, Paolo Barnard denuncia la pratica attuata, secondo quanto da egli accertato, da alcune case farmaceutiche, consistente nella corruzione di medici di base (ma anche dei clinici ospedalieri) al fine di ottenere prescrizioni illecite di farmaci da esse prodotti. Mediante questa procedura illegale, il comparaggio, si causano gravissime ripercussioni sull'intera comunità, sulla salute dei cittadini e sull'efficienza del servizio sanitario nazionale.

Successivamente, il giornalista prosegue la sua collaborazione con Report, fino al 2004. In quel periodo realizza altre inchieste che andranno regolarmente in onda.[5] Il 16 aprile 2004, Paolo Barnard, RAI e Milena Gabanelli vengono citati in giudizio[6] da un informatore farmaceutico, ritenutosi danneggiato dalle rivelazioni fatte nel servizio, presso il Tribunale Civile di Roma.[7] Inizia così per il giornalista un'avventura giudiziaria che rischia di vederlo implicato in una possibile condanna per diffamazione e costretto al pagamento di ingenti somme per risarcimento dei presunti danni provocati e delle spese legali da sostenere. Barnard dà a quel punto per scontato che RAI e Gabanelli si uniranno a lui nella difesa legale, sostenendone le spese come sempre gli era stato assicurato, e tutelando assieme la validità dell'inchiesta che la stessa RAI aveva precedentemente approvato e persino replicato. Ma Barnard scopre dalla citazione in giudizio che, al contrario, RAI e Gabanelli non solo non lo difenderanno, ma addirittura si chiamano fuori da ogni responsabilità addossandone ogni parte al Barnard. Barnard decide quindi di rendere nota la situazione in cui si trova, pubblicando nel Febbraio 2008 una lettera aperta nei confronti della Rai, di Report e di Milena Gabanelli[8]. L'accusa è quella di essere stato tradito due volte di fronte alla causa civile che dovrà affrontare: primo fatto, RAI e Gabanelli ora lo stanno 'scaricando' come fossero estranei alla vicenda (sic), e inoltre la RAI ha avviato formalmente un'azione di "messa in mora" nei suoi confronti, sfruttando una dubbia clausola del contratto da lui sottoscritto con RAI.

Barnard

Milena Gabanelli ha risposto all'appello di Barnard attraverso il forum ufficiale di Report[9], affermando che, in base alle istruzioni fornite dell'allora direttore generale RAI Cappon, i legali della tv di stato non avrebbero garantito assistenza legale in sede civile, ma solamente in sede penale (l'intera vicenda è descritta e documentata qui col nome di Censura Legale[10]. Barnard ha sempre tenuto a sottolineare che l'estrema gravità insita nella vicenda sta nel fatto che RAI e Milena Gabanelli hanno così tradito non solo lui, ma l'intera categoria del giornalismo libero, di cui Gabanelli dovrebbe paradossalmente essere una 'paladina'. La conduttrice ha infatti avallato la diffusa pratica dell'abbandono in sede giudiziaria, da parte degli editori, del loro reporter citato in giudizio da coloro che ha indagato e denunciato, e che porta il/la reporter a trovarsi schiacciato dai costi legali e dalle possibili condanne in sede civile. La conseguenza, drammatica per la libera informazione, è che i giornalisti liberi sono spesso costretti a cessare, o fortemente limitare, le loro indagini sotto la minaccia di esser rovinati da tali procedimenti senza la tutela dei loro editori. In segno di protesta per tali condotte aziendali, Barnard si autosospende dalla RAI e rifiuta due offerte di lavoro da parte dei giornalisti Giovanni Minoli e Carlo Vulpio. Barnard pone come condizione per il suo rientro in RAI un impegno aziendale a difendere tutti i giornalisti freelance, che vi lavorano, nella cause civili derivanti dalle loro inchieste.

Barnard e l'Antisistema italiano

Barnard è da sempre molto critico sul movimento nato attorno ai neonati 'paladini' dell'Antisistema italiano, in particolare attorno al comico Beppe Grillo[11][12]. Secondo il giornalista, sia Grillo che Marco Travaglio[13], i loro molti emuli, i processi in tv e le caste denunciate a gran voce, annullerebbero la cosiddetta "Società Civile Organizzata" italiana.

Paolo Barnard sostiene infatti che tale Società, che dovrebbe essere in prima linea per un Paese migliore, si starebbe consegnando alliirrilevanza delle bordate dei nuovi mattatori dell'Antisistema, che spingono grandi masse di persone ad accanirsi contro i mali minori dell'Italia, ignorando invece le reali e devastanti manovre del Potere sovranazionale sulla vita di milioni di noi, che ad esempio la recente crisi finanziaria internazionale e la progressiva distruzione del diritto al lavoro dei giovani ci mostrano in termini drammatici. Fra l'altro, l'Antisistema italiano altro non ha fatto se non replicare gli stessi metodi che combatte[14]. Barnard sostiene che sia criminoso deviare la pochissime forze civiche rimaste verso continui isterismi di massa che riguardano aspetti della vita pubblica italiana che sono del tutto irrilevanti rispetto all'azione del Potere, che gli italiani pagano poi nella vita reale[15]. I diretti responsabili di tale deviazione sarebbero, in Italia, proprio questi neo 'paladini' alla Grillo, Travaglio, Santoro e Di Pietro, assieme al de-benedettiano La Repubblica, che Barnard ha ampiamente documentato nei suoi articoli.

Pubblicazioni

  • Paolo Barnard. Aiutami a morire. Storie di lotta contro l'abbandono dei malati terminali. Interlinea, 1999. ISBN 9788882122003.
  • Paolo Barnard. Due pesi e due misure. Andromeda Edizioni, 2002.
  • Paolo Barnard. Perché ci odiano. Milano, BUR, 2006. ISBN 8817010642.

Note

  1. Breve scheda biografica
  2. Breve scheda biografica
  3. paolobarnard.info
  4. paolobarnard.info
  5. Tvblog.it, Paolo Barnard mette Report sotto accusa
  6. Atti processuali
  7. Reset, Censura Legale - Una Storia Italiana!
  8. Reset, Censura Legale - Una Storia Italiana!
  9. Report.it - Forum
  10. Censura legale
  11. Paolo Barnard: considerazioni sul V-Day
  12. Arcoiris.tv, considerazioni di Paolo Barnard sul V2-Day
  13. Arianna Editrice, Lettera aperta a Marco Travaglio
  14. Paolo Barnard:l'informazione è Noi
  15. paolobarnard.info

Voci collegate

Per approfondire, vedi Pensiero di Paolo Barnard.
Barnard

Altri progetti wiki

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Paolo Barnard
  • Collabora ad Ekopedia Ekopedia contiene una voce riguardante Paolo Barnard
  • Collabora all'Esopedia Esopedia contiene una voce riguardante Paolo Barnard
  • http://it.nostradamus.wikia.com/wiki/Paolo_Barnard
  • Vedi anche

    Collegamenti esterni

    esempio di testo

    Strumenti personali
    to PDF
    Visite
    Crea un libro
    Spagnolo
    Non esiste ancora una traduzione in Spagnolo.
    Inglese
    Non esiste ancora una traduzione in Inglese.
    Francese
    Non esiste ancora una traduzione in Francese.